Oltre il vino...

Cosa c’è in una bottiglia oltre al vino?
BOSCODIVINO si impegna nella ricerca, nella valutazione ambientale ed etica, nello stimolo alla produzione ed utilizzo futuro di materiali ecosostenibili.
L'utilizzo anche parziale di materiali petrolchimici ha sempre un impatto ambientale e costi certi in emissione di CO2, siamo pertanto orgogliosi di affermare che per le nostre bottiglie non utilizziamo né plastica né i suoi derivati derivati.

Abbiamo selezionato i nostri fornitori in base ai loro requisiti di qualità ed eco-logicità ovvero confezioni a basso impatto ambientale e alte prestazioni.
E’ nostra intenzione proporvi non solo il miglior prodotto, ma anche il miglior packaging bio ed eco-logico.
Seppur questo nostro volere sia radicato, c’è un altro lato della medaglia che non possiamo controllare direttamente. Ad oggi, per una piccola azienda come la nostra, lavorare a basso impatto ambientale, sia nei prodotti biologici che per i confezionamenti ecologici, significa affrontare costi molto alti. Ci auguriamo dunque una maggiore sensibilità ambientale e una maggior richiesta di questi materiali da parte di tutti i produttori vitivinicoli (e non solo), al fine che si possa garantire una sana concorrenza riducendo i costi, e che il mondo intero ne guadagni!

Nel confezionamento, BOSCODIVINO usa

  • Vetro riciclato di medio peso 100% riciclato e riciclabile
  • Sughero 100% riciclabile
  • Capsule eco 100% riciclabile
  • Carta riciclata e cartone da macero 50% riciclato 50%

La nostra è stata una lunga ricerca, che ci differenzia dagli altri produttori di vino, proprio perché non abbiamo lasciato nulla al caso.

La bottiglia.

All’inizio, guardavamo con attrattiva alcuni produttori di spumanti che utilizzano una copertura colorata di carta o plastica, per avvolge la bottiglia al fine di preservare le caratteristiche organolettiche del vino. Ma dopo un primo momento di infatuazione, ci siamo resi conto che era un mero spreco di materiale e ci siamo affidati alla classica bottiglia di vetro scuro anche per i bianchi. Anche il peso della bottiglia è stato oggetto di discussione. Il consumatore valuta il maggior peso della bottiglia come miglior qualità di prodotto. Ne deriva però anche un maggior impatto ambientale per le maggiori emissioni da trasposto. Per questo abbiamo scelto bottiglie di medio peso.
Il nostro fornitore è Euroglass, azienda di Verona di assodata professionalità e varietà di prodotti.

Il tappo.

Tutti i nostri tappi sono in sughero per mantenere qualità, affinamento e romanticismo. Il sughero è naturale, pregiato (perché le sugherete crescono lentamente), ecologico e 100% riciclabile. Il nostro fornitore Amorim è leader mondiale nella estrazione e distribuzione di sughero, e abbiamo aderito con entusiasmo al loro progetto “Etico” per il recupero dei tappi usati. Non buttate quindi i vostri tappi in sughero, ma teneteli e portateli nel punto raccolta più vicino a voi .
Noi in particolare, abbiamo aderito alla raccolta tappi per l'Associazione Brain.

La capsula.

La più ardua tra le ricerche è stata questa. Trovare una capsula totalmente riciclabile. La maggior parte delle capsule attualmente in circolazione sono rifiuto secco non riciclabile, questo perché sono formate da uno strato di plastica compresso tra due strati di alluminio, e non sono in alcun modo separabili. Le nostre capsule Eco 3.1 è un tipo di polilaminato che utilizza una bioplastica (green PE) che deriva da materie prime rinnovabili e biodegradabili (a differenza dei polimeri tradizionali) e non necessita per la sua produzione il consumo di risorse fossili quali il petrolio.
Il nostro fornitore è Intercap.

L’etichetta e lo scatolone.

La carta delle nostre etichette è in carta riciclata 50% e 50% da foreste gestite in maniera responsabile. Anche il settore della carta è molto delicato in quanto a sostenibilità ed eco-logicità. Le foreste gestite in maniera responsabile sembrano al momento la scelta più ecologica, perché si estrae la carta da foreste controllate dove gli alberi vengo ripiantati e utilizzati al massimo. Il mercato della carta riciclata invece, sembra non essere totalmente trasparente nei modi di raccolta, lavorazione, trattamenti chimici e richiede inoltre un grosso dispendio di acqua per il processo di riciclo. Però noi ci auguriamo che il riciclo diventi efficace e trasparente, che sia la risposta del futuro, che gli alberi non vengano più tagliati fintanto che c’è della carta utilizzabile ancora in circolo... Ecco perché utilizziamo carta da macero per i nostri scatoloni! La colla e l'inchiostro sono a base d'acqua.
I nostri fornitori vicentini, Scatolificio Silva e Tipografia Polygraf.

In un’epoca in cui tutti sgomitano per lasciare un segno del loro passaggio in questa terra che ci ospita, noi vi lasciamo con questa riflessione

Il grande uomo è colui che non lascia traccia

(Laozi)